close
Strategie

Il costume italiano e la pubblicità della birra: un’evoluzione continua

birra-pubblicita

Gli elementi che ci consentono di studiare l’evoluzione del costume italiano sono davvero tanti, ma uno dei più originali è senza dubbio legato ai celebri slogan che hanno pubblicizzato la birra nel corso degli anni.

Una bevanda alla quale gli italiani rinunciano raramente e che affonda le sue radici in tempi antichissimi, lasciando traccia su antiche fonti scritte dell’Antico Egitto e della Mesopotamia.

Pubblicità che hanno segnato le diverse epoche, accostando a freddi boccali di birra schiumosa alcuni dei volti più famosi del cinema e della televisione, come Mina, Renzo Arbore, Vittorio Sgarbi e Milly Carlucci. Negli anni Trenta ad esempio, lo slogan era caratterizzato dall’ingenua semplicità del periodo, recitando: “chi beve birra campa cent’anni”, in un periodo in cui la vita media era decisamente più bassa.

Non era ancora il tempo di testimonial d’eccezione e neppure di campagne collettive vere e proprie. Si parlava piuttosto di “reclame” e si mirava ad aumentare il consumo di birra attraverso la presentazione e l’elogio delle sue qualità benefiche. Veniva consigliato di berla durante i pasti poiché facilmente digeribile, ricca di sostanze nutrienti e toniche, e ideale per donne, anziani e bambini. In grado addirittura di assicurare un sonno tranquillo e un umore lieto.

Tutto questo fino agli anni Cinquanta, con l’arrivo della televisione e la nascita di una società meno bacchettona (nonostante il disappunto della Chiesa), che mostra la seducente e prosperosa Anita Ekberg, affiancata dalla misteriosa e mora Mina, introducendo l’allettante equazione della “birra uguale alla donna”. Ammiccando soprattutto all’universo femminile con slogan del tipo “La dieta di bellezza: un bicchiere di birra al giorno”.

Del resto sono le donne a fare la spesa in quegli anni, mentre agli uomini resta il mito delle bionde belle e impossibili. Tanti slogan che ci mostrano un’Italia che cambia e che inevitabilmente si lega a questa preziosa bevanda ancora oggi molto amata e desiderata.

Oggi la varietà e la qualità delle birre è enorme, celebrate in eventi che coinvolgono milioni di persone come il famoso Oktoberfest di Monaco di Baviera, che ogni anno vede la partecipazioni delle più importanti realtà produttrici di birra al mondo come la mitica birra bavarese Lowenbrau (vai al sito ufficiale www.lowenbraun.it), il suo stand è uno dei più riconoscibili grazie all’enorme leone ruggente.

Eventi che hanno un impatto comunicativo di gran lunga superiore a quello di ogni slogan pubblicitario, perchè sfruttano il coinvolgimento diretto degli appassionati della birra portando ad una condivisione spontanea dei principali brand del settore.

Lascia un Commento