close
No profitViral

Shockvertising: le pubblicità scioccanti

shockadvertising-1

Le pubblicità progresso, o le pubblicità di sensibilizzazione, contro i più svariati problemi, sono sempre spot o campagne molto importanti e di grande impatto, capaci di toccare nel profondo e di scuotere la sensibilità umana.

Ultimamente però, per cercare di impressionare al meglio i destinatari, le pubblicità sociali puntano molto sull’effetto shock, ovvero usano immagini scioccanti e quasi macabre, in modo da creare una sorta di desiderio di repulsione del problema.

Questo genere di pubblicità si chiama Shockvertising, termine nato dall’unione dei termini “shock” ed “advertising”.

no-violanceTra queste, sono molte le pubblicità divenute famose, come ad esempio le campagne contro la violenza sulle donne, per lo più raffiguranti ragazze malmenate e sfigurate, o le immagini proposte da Save The Children contro l’uso dei bambini-soldato, e ancora le campagne contro il fumo di sigarette, che illustrano i danni che esso può provocare.

Tra le più recenti, sono due le pubblicità che hanno scosso la popolazione per le loro immagini forti: una è di una fondazione australiana che ha girato uno spot in cui dei ragazzi decidono di marinare la scuola per andare al mare con gli amici, dove però purtroppo moriranno tutti; l’altra è dell’agenzia governativa statunitense National Highway Traffic Safety, che in seguito all’elevato numero di morti di incidenti stradali causati dall’uso del cellulare alla guida, ha deciso di realizzare un video pubblicitario che evidenzia al meglio questo pericolo.

 

Ecco qua il video di uno degli spot:

1 Commento

  1. Ciao Michele! Stavo scrivendo un blog su questo tema, visto che proponi due casi carini e che apprezzo il tuo blog poiche’ come il mio vuole portare contenuti innovativi e non i soliti copia e incolla: metto il link al tuo blog. Spero ti faccia piacere. Buon proseguimento

Lascia un Commento


Warning: Cannot assign an empty string to a string offset in /home/unocomunica/public_html/wp-includes/class.wp-scripts.php on line 447